Privacy Policy
sabato, 10/12/2016 | 9:52 CET
Lo Sai
You are here:  / Featured / Propaganda / Incredibile Dawkins, guru dell’ateismo: morte ai down e sì alla pedofilia
dawkins down pedofilia

Incredibile Dawkins, guru dell’ateismo: morte ai down e sì alla pedofilia

L’ateo Richard Dawkins ha scritto su Twitter che la scelta di non abortire un bambino con sindrome di Down sarebbe “immorale”. Un altro utente di Twitter ha poi chiesto a Dawkins “994 esseri umani con la sindrome di Down deliberatamente uccisi prima della nascita in Inghilterra e Galles nel 2012 sono forse prova di civiltà?” Dawkins ha risposto “sì, è molto civile. Questi sono feti, diagnosticati prima che abbiano sentimenti umani.”  La fredda crudeltà di Dawkins ci ricorda che nel 2004 è stato lanciato dal governo danese un piano che prevede l’accesso gratuito ai test prenatali per l’individuazione della sindrome di Down e che in 25 anni questo piano dovrebbe rendere la Danimarca un paese Down Free”.

“E semplicemente insano e contorto sostenere l’uccisione di bambini con disabilità” ha dichiarato Lila Rose, presidente di Live Action ed ha affermato che “tali commenti ignoranti di Dawkins servono solo a stigmatizzare ulteriormente le persone con sindrome di Down”.

Tratto da: Fonte

Quando Richard Dawkins aveva 11 anni, il suo insegnante di arte lo prese in braccio, gli infilò la mano nei pantaloncini, e gli accarezzò i genitali. Quando lo disse ai suoi compagni di scuola, scoprì che non era il solo – l’uomo aveva abusato anche di alcuni dei suoi amici. Ma 60 anni più tardi, il famoso ateista autore de “L’illusione di Dio” non se la sente di condannare gli atti dell’insegnante.
Dawkins ha dichiarato la scorsa settimana alla rivista Times che un abuso quale lui e i suoi compagni di classe avevano subito non causa “danni durevoli”, e che una “moderata pedofilia” o “toccamenti” non dovrebbero essere giudicati tanto severamente come gli stupri o altri reati.

I gruppi per la difesa delle vittime hanno reagito con indignazione ai commenti di Dawkins. Peter Watt, direttore per la protezione dei bambini presso la Società Nazionale per la Prevenzione della Crudeltà verso i Bambini, ha affermato che le osservazioni Dawkins sono “terribilmente offensive” verso le vittime di abuso sessuale infantile.
“Il signor Dawkins sembra pensare che perché un reato è stato commesso molto tempo fa lo si dovrebbe giudicare diversamente “, afferma Watt. “Mentre sappiamo che le vittime di abusi sessuali patiscono gli stessi effetti, che ciò sia avvenuto 50 anni fa o ieri.”
Peter Saunders, fondatore dell’Associazione Nazionale per le Vittime di Abuso Infantile, vittima di abuso egli stesso, ha dichiarato: “L’abuso sotto ogni forma è sempre stato sbagliato. Il male è male e dobbiamo contrastarlo sempre e ovunque si manifesti “.

Tratto da: Fonte